• 00_liceo.jpg
  • 01_indirizzi.jpg
  • 02_PON_fesr.png
  • 10_esterni.jpg
  • 11_interni.jpg
  • 12_murales.jpg
  • 22_certificazioni.jpg
  • 23_cambridge.jpg

Si riporta l'articolo pubblicato sulla Voce della Vallesina il 21 maggio. Sono stati 12 gli studenti del Liceo che hanno partecipato alla manifestazione "Bridge in Pista" ad Ancona, classificandosi ai primissimi posti.

Di seguito i nomi degli allievi che hanno preso parte alla competizione: Tommaso Mingo, Arianna Paoletti (2° AS); Tommaso Barchiesi, Federica Bartoli, Riccardo Bonvecchi, Lorenzo Di Nisio, Alessandro Giordano, Alberto Pompili ( 3° AS); Sonia Cocciarini, Giada Lydia Luzi (3° C), Martina Zannotti (4° AS), Aurora Pigliapoco (4° CCS).

Gli alunni della classe 3BS (indirizzo Scientifico con opzione Scienze Applicate) hanno partecipato nell’anno scolastico 2015-2016 al concorso “Fotonica in gioco”, organizzato dagli ideatori del “Premio Archimede” nell’ambito del progetto europeo Photonics4All e in particolare da Fabio Chiarello, ricercatore dell’Ifn-CNR.  La competizione, dedicata ai ragazzi delle scuole superiori, ha avuto  l'obiettivo di creare dei giochi da tavolo originali sui temi della luce e della fotonica e ha coinvolto 426 studenti di 16 città italiane, per un totale di 28 giochi. L'iniziativa è stata pubblicata anche nel sito on line de La repubblica    (www.repubblica.it/scienze/2016/09/15/.../fotonica_un_gioco_da_ragazzi-147822508/).

Gli studenti del Da Vinci (attuale 4BS)  hanno messo nella competizione  idee, lavoro,  grinta e capacità. Inoltre,  la partecipazione li ha stimolati molto di più della classica lezione frontale. Il risultato è stato il gioco Marama, grazie a cui è possibile divertirsi e imparare alcuni aspetti fondamentali della luce:  ad esempio, quelli legati all'energia, o la doppia natura corpuscolare e ondulatoria. Marama è un gioco da tavolo in cui si affiancano aneddoti riguardanti invenzioni rivoluzionarie, che oggi fanno parte della nostra quotidianità e che senza la fotonica non sarebbero mai nate,  ad informazioni riguardanti i più grandi ricercatori e scienziati che hanno lasciato un’impronta indelebile nel mondo della “scienza della luce”. Un mix di goliardia e istruzione. Attraverso l’invenzione di questo gioco, gli studenti sono saliti sul podio e si sono classificati al primo posto a livello nazionale.

Uno degli studenti della classe, Francesco Romagnoli, ha dichiarato “ Marama ha rappresentato un’occasione anche per noi stessi per guardare da più vicino la scienza della luce, che nel corso degli anni ha rivoluzionato (e spesso migliorato, oltre che semplificato) il nostro modo di vivere. Questo gioco mette in primo piano l’istruzione, ma non tralascia il divertimento. Siamo molto soddisfatti come classe e come scuola del risultato raggiunto: è un grande traguardo e speriamo che il nostro gioco possa presto essere messo regolarmente in vendita, in modo da essere finalmente usufruito da un pubblico ben più vasto e forse anche meno documentato, ma più incuriosito riguardo alla fotonica: d’altronde  Marama è un gioco al contempo ludico e didattico”.

La premiazione è avvenuta a Venezia il 1 ottobre, alla presenza di autorità e studiosi e del Dirigente Scolastico, dott. ssa Bruna Aguzzi, che si è complimentata entusiasta con i ragazzi.

 

Ha un sogno Elon Musk, fondatore dell’azienda spaziale “SpaceX” e amministratore delegato della casa automobilistica statunitense Tesla Motors, specializzata in veicoli elettrici ad alte prestazioni e incoronata ad agosto 2015 l’azienda più innovativa al mondo dalla rivista “Forbes”: realizzare “Hyperloop”, il mezzo di trasporto di massa del futuro, una navicella che permetterà di coprire una distanza come quella tra Roma e Milano in poco più di 30 minuti, al costo di circa 20 euro a viaggiatore.

Se questo sogno si realizzerà, una parte del merito sarà anche di Luca Cesaretti, ingegnere meccanico ed ex studente del Liceo "Da Vinci" di Jesi, team leader del gruppo di allievi ordinari della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa che sta collaborando al progetto "Hyperloop".

Il loro lavoro si focalizza sull’analisi delle performance del sistema di sospensioni in termini di confort e di sicurezza dei passeggeri ed è stato selezionato fra i 1200 che hanno presentato idee per la sua realizzazione.