• 00_liceo.jpg
  • 01_indirizzi.jpg
  • 02_PON_fesr.png
  • 10_esterni.jpg
  • 11_interni.jpg
  • 12_murales.jpg
  • 22_certificazioni.jpg
  • 23_cambridge.jpg

Anche quest’anno, come da relazioni ormai consolidate, è avvenuto lo scambio culturale tra lo “Staufer-Gymnasium” di Waiblingen e il Liceo “Da Vinci” di Jesi.

21 studenti tedeschi, accompagnati dai loro docenti, Sven Grützemacher e Stephanie Vogel, sono stati ospiti dal 26 marzo al 2  aprile 2019 di alcuni alunni delle classi 2°B, 2°BS, 2°BL, 2°C, 2°CS, 2°CL e delle loro famiglie, che hanno così ricambiato l’ospitalità offerta ai ragazzi italiani in Germania nella prima metà di ottobre 2018.

Gli studenti tedeschi hanno partecipato ad alcune attività didattiche a scuola, dopo i saluti di benvenuto da parte del Dirigente Scolastico, prof.ssa Fabiola Fabbri.

Gli ospiti d’oltralpe hanno potuto conoscere alcune bellezze paesaggistiche e artistiche locali, visitando la città di Jesi (Museo Federico II Stupor Mundi, Teatro Pergolesi, Pinacoteca Civica Pianetti), il Parco Zoo di Falconara,  le splendide grotte di Frasassi, le spiagge di Sirolo e Portonovo, Ascoli e San Benedetto del Tronto.

La delegazione tedesca, ricevuta in Municipio dal sindaco Massimo Bacci, ha avuto modo di  osservare anche istanti di attività quotidiana, assistendo  da “Ciro e Pio” alla fasi di lavorazione artigianale del gelato e facendo una passeggiata per il caratteristico Mercato cittadino del sabato.

Referente del progetto la prof.ssa di inglese Carla Fioretti, che si è avvalsa della collaborazione di altri docenti di lingua, Giacomo Cristofanelli, Oriana Dolciotti, Flora Malagisi,  Elisabeth Orme.

Nel corso di questa significativa esperienza culturale, si sono vissuti momenti di scambio linguistico e di cordialità, resi ancora più intensi con una cena conclusiva di saluto al Paradise di Monsano, prima della partenza degli ospiti alla volta di Waiblingen, città della Germania a circa 12 km  da Stoccarda.

La città tedesca è gemellata con Jesi dal 1996, in virtù soprattutto del fatto che l’imperatore Federico II era appartenente al casato degli Hohenstaufen, che erano appunto Signori di Waiblingen.

 

 

Visita alle grotte di Frasassi

SCUOLA IN CHIARO

PON