• 00_liceo.jpg
  • 01_indirizzi.jpg
  • 02_PON_fesr.png
  • 10_esterni.jpg
  • 11_interni.jpg
  • 12_murales.jpg
  • 22_certificazioni.jpg
  • 23_cambridge.jpg

Gli alunni delle classi 3° A e 3° D Linguistico del Liceo “Da Vinci”, accompagnati dagli insegnanti di spagnolo Pergolesi Benedetta e Vitiello Michele e dall’insegnante di inglese Donninelli Nicoletta, hanno partecipato dal 21 febbraio al 27 febbraio a un viaggio studio a Malaga, ospiti di famiglie del luogo, immergendosi completamente nella cultura e nella vita andalusa e conoscendo lo stile di vita caratteristico e le abitudini di questa città spagnola.

La mattina gli studenti hanno seguito dei corsi presso la scuola di lingue DEBLA, in cui hanno trattato vari argomenti, dall’approfondimento grammaticale, alla conversazione in lingua e apprendimento della cultura spagnola. Il pomeriggio è stato dedicato invece ad attività extrascolastiche, tra cui la visita ai luoghi e monumenti più importanti della città, quali la Casa natale di Pablo Picasso, la Cattedrale, le piazze principali, i musei, il porto, l’Alcazaba, antica cittadella araba dell’XI secolo, il palazzo del cadì, riproduzione in miniatura dell’Alhambra di Granada e il Castello di Gibralfaro, che offre una vista mozzafiato su Malaga.

Grazie a una docente della scuola DEBLA, i ragazzi hanno anche potuto assistere ad una lezione di Flamenco, divertendosi a muovere, tra risa e battiti delle mani, i  passi della “sevillana”,  una delle varianti più conosciute di questa danza. La scuola ha anche offerto agli alunni la possibilità di interagire con la gente del posto, organizzando un concorso fotografico alla scoperta degli angoli più nascosti e curiosi della città e una caccia al tesoro per le vie di Malaga, in cui i ragazzi hanno risolto curiosi “indovinelli”, chiedendo aiuto ai passanti che incontravano per strada.

Dal punto di vista didattico, l’esperienza ha sicuramente promosso e sviluppato la conoscenza linguistica, la crescita umana e culturale negli studenti di entrambi delle classi, che sono ritornati a Jesi entusiasti e soddisfatti della settimana trascorsa all’estero.

 

Alcazaba e teatro romano

 

Plaza de toros de La Malagueta